Index

Addestramento per tartufi

Contatti

Cenno sull'addestramento

Dove siamo

Le origini

Nascite

Offerte

Storia

 

ALLEVAMENTO  LA ROGHICCIA

Alcuni cenni sull'addestrare    Springer Spaniel Inglese

 

RIASSUNTO IN BREVE DEGLI ESERCIZI PER ETA’

Da subito: Abituarlo alla macchina con viaggi brevi e frequenti (non dopo mangiato)

2/3 mesi: Riporto a vista con oggetti morbidi e leggeri frapponendosi alla cuccia e stando accovacciati, e premiare ogni 2/3 riporti; 2/3 le sedute settimanali per poche volte

Portarlo spesso fuori sul terreno, nell’acqua, in posti anche rumorosi e/o molto frequentati da persone e cani

dai 4 mesi: Riporto con oggetti di varia dimensione anche al di fuori dell’ambiente domestico

Ogni tanto deponete non in vista un oggetto di varie dimensioni magari già riportato dal il cucciolo in modo che abbia lasciato il suo fiato,  portatevi il cane in prossimità e quando lo trova fatelo riportare con il comando “porta”

Dai 5 mesi: Iniziate a farvi seguire calpestando dei rovi ed in altri terreni sporchi - Nel ritrovamento di un oggetto non visto deporre pronunciate il comando “porta” appena il cane ne avverte l’odore - Potete iniziare il riporto dall’acqua (ma bassa e ferma) - Iniziate a lanciare un oggetto di buone dimensioni e conosciuto in posti dove il cane deve cercarlo con il naso – Per il richiamo, potete usare anche il fischio – Abituarlo al guinzaglio

Dai 6/7 mesi: Nelle uscite sul terreno, non fate allontanare il cane oltre quella che decidete essere

 

 

Uno Springer Spaniel  ben addestrato è un compagno di caccia entusiasmante, pronto ad entrare nei roveti più fitti come nelle paludi, tra canne e fango. La sua avidità nello scovare la selvaggina nei posti più impenetrabili e le sue capacità di riporto lo rendono il cane ideale per ogni tipo di caccia (fagiani, lepri, anatre, quaglie, etc…). Se selezionato con serietà, lo Springer Spaniel non esiterà poi a lavorare nell’acqua come sulla terra.

L'obbidienza

ADDESTRAMENTO AL SEDUTO - I FASE

QUESTA FASE DI ADDESTRAMENTO, DA SVOLGERE ANCHE NEL "CORTILE", RICHIEDE COMUNQUE POSTI ESTREMAMENTE TRANQUILLI, DOVE NON CI SIANO DISTRAZIONI DA ALTRI CANI, PERSONE, RUMORI ECC., E DOVE VOI STESSI POSSIATE AVERE LA MASSIMA CONCENTRAZIONE. I SETTIMANA: CANE CHE CAMMINA A SINISTRA, AL GUINZAGLIO ABBASTANZA CORTO NELLA MANO

DESTRA; IMPROVVISAMENTE DATE L'ORDINE DI SEDUTO, CONTEMPORANEAMENTE METTETE LA MANO SINISTRA SULLE RENI DEL CANE (PRESA DOLCE MA SICURA), TIRATE INDIETRO IL GUINZAGLIO CON LA DESTRA E LO METTETE NELLA POSIZIONE CORRETTA DI SEDUTO; LA MANO SINISTRA SEMPRE BEN FERMA A COSTRINGERLO NELLA POSIZIONE VOLUTA, LO CAREZZATE CON LA DESTRA RIPETENDO CONTINUAMENTE L'ORDINE A VOCE "HUP". DOPO ALCUNI SECONDI FATE SEGUIRE IL COMANDO DI LIBERAZIONE (ES.: SCHIOCCO DITA) MOLLANDO IL CANE, SPOSTANDOVI E GIOCANDO UN POCO CON LUI COMPLIMENTANDOLO.

AL FINE DI FAR ESEGUIRE PRONTAMENTE, É BENE CHE ANTICIPIATE UN ATTIMO I VOSTRI MOVIMENTI PRIMA DI DARE IL COMANDO, IN MANIERA CHE, FINITO DI PRONUNCIARLO, IL CANE SIA GIÀ STATO MESSO SEDUTO, MA SENZA CHE ASSOLUTAMENTE PERCEPISCA QUESTO ANTICIPO. SI RIPETE X 3/4 VOLTE. GIÀ DOPO LE PRIMISSIME SEDUTE, POTETE ASSOCIARE UNA TONALITÀ DEL FISCHIETTO ALL'ORDINE (ES.: BEEP LUNGO), DA DARE DOPO (IN COPPIA) IL COMANDO VERBALE; IL TONO SIA VERBALE CHE DEL FISCHIETTO RIMANE SOSTANZIALMENTE INVARIATO.

II SETTIMANA: IN TUTTE LE LEZIONI RIPETETE QUANTO FATTO NELLA I SETTIMANA, MA 3/4 VOLTE SOSTITUITE L'ULTIMA O LE ULTIME 2 VOLTE LASCIANDO IL CANE SENZA GUINZAGLIO; QUANDO LO AVETE NEI PRESSI, INTERVENITE COME AL GUINZAGLIO METTENDO PERÒ LA MANO DESTRA SOTTO IL COLLO, POI RIMANE TUTTO UGUALE. DOVRESTE ESSERE TALMENTE RAPIDI NEL METTERLO SEDUTO CHE IL CANE NON ABBIA MODO DI CAMBIARE POSIZIONE FRA L'ORDINE E L'ESECUZIONE MATERIALE. GIÀ A METÀ SETTIMANA POTRETE INIZIARE AD ALLENTARE LA PRESA DOPO AVERLO MESSO NELLA POSIZIONE CORRETTA DI SEDUTO. ALLA FINE DELLA SETTIMANA, MESSO IL CANE NELLA POSIZIONE DI SEDUTO, VI PORTATE DI FRONTE A LUI NELLA CLASSICA POSIZIONE IN CUI SI IMPARTISCE L'ORDINE: MANO DESTRA ALZATA, SINISTRA DIETRO LA SCHIENA, GAMBE LEGGERMENTE DIVARICATE, BEN DRITTI CON LA TESTA ALTA RIPETETE IL COMANDO A VOCE E CON IL FISCHIETTO. DIMINUISCE LA FREQUENZA CON CUI VIENE RIPETUTO IL COMANDO.

III SETTIMANA: GIÀ IN QUESTA FASE IL CANE COMINCIA AD ASSUMERE LA POSIZIONE DI SEDUTO AL COMANDO; TUTTAVIA CONTINUATE L'ADDESTRAMENTO CON IL GUINZAGLIO PER 3/4 VOLTE, MENTRE DIVENGONO PREDOMINANTI LE VOLTE SENZA GUINZAGLIO. IL METODO RIMANE SOSTANZIALMENTE LO STESSO DELLE PRECEDENTI SETTIMANE, MA, SALVO AL GUINZAGLIO, CON 2 DIFFERENZE: NON ANTICIPATE IL COMANDO, IN MANIERA CHE IL CANE POSSA SEDERSI DA SOLO, TUTTAVIA INTERVENITE ANCHE PER UNA FRAZIONE DI RITARDO E LO RIMETTETE SEDUTO NELLA POSIZIONE IN CUI AVEVATE DATO L'ORDINE ANCHE SE AVESSE FATTO UN SOLO PASSO, E SISTEMATICAMENTE VI PORTATE DAVANTI AL CANE IMPARTENDO L'ORDINE NELLA POSIZIONE CLASSICA DOPO CHE QUESTI È SEDUTO (IN PRATICA DARETE L'ORDINE NON + FACENDOLO ESEGUIRE VOI STESSI, MA SOLO METTENDOVI NELLE CONDIZIONI DI FARLO ESEGUIRE PRONTAMENTE). A METÀ DELLA SETTIMANA, INIZIATE AD ALLONTANARVI DI QUALCHE PASSO DI FRONTE AL CANE; RIPETO CHE QUESTI DEVE MUOVERSI ESCLUSIVAMENTE DOPO

AVER RICEVUTO IL RELATIVO ORDINE, CHE MAI FARETE MANCARE. LA RIPETIZIONE DEL COMANDO DIMINUISCE SIA X FREQUENZA CHE X NUMERO COMPLESSIVO. 

IV-V SETTIMANA: SALVO UN PAIO DI VOLTE IN CUI RIPETETE IL GUINZAGLIO, O COME PRIMO ESERCIZIO DELLA MAGGIOR PARTE DI SEDUTE SE NORMALMENTE TARDASSE A REAGIRE AL COMANDO, DEDICATE

QUESTA SETTIMANA ALL'ALLONTANAMENTO PROGRESSIVO DI FRONTE AL CANE, FINO AD ARRIVARE AI 40/50 METRI, QUINDI TORNATE DA LUI PER COMPLIMENTARLO E LIBERARLO. TALVOLTA PUÒ VERIFICARSI CHE IL CANE SI SDRAI DURANTE L'ESERCIZIO: IN QUESTO CASO LO RIMETTETE CELERMENTE NELLA GIUSTA POSIZIONE USANDO TONI DI VOCE MOLTO DOLCI, POICHÉ QUESTO NON È SEGNO DI DISOBBEDIENZA, MA PIUTTOSTO DI NOIA O STANCHEZZA, PER CUI È OBBLIGO RINFRANCARLO. NEL CASO IN CUI ALL'ORDINE ASSUMA UNA POSTURA DI IMMOBILITÀ ERETTA, DOVETE INTERVENIRE PRONTAMENTE ED ENERGICAMENTE PER METTERLO MATERIALMENTE IN QUELLA CORRETTA. A FINE SETTIMANA, POTETE COMINCIARE A NASCONDERVI ALLA VISTA DEL CANE, A BREVE DISTANZA E X POCO TEMPO. 

NELLA SETTIMANA SUCCESSIVA AUMENTATE TEMPO E DISTANZA DALLA QUALE GLI SPARITE DALLA VISTA. LA RIPETIZIONE DEL COMANDO DIMINUISCE SOLO X FREQUENZA, RIMANENDO SIMILE X NUMERO COMPLESSIVO, POICHÉ AUMENTA IL TEMPO IN CUI IL CANE RIMANE SEDUTO.

VI SETTIMANA: DEDICATE ANCORA QUESTA SETTIMANA AL CONSOLIDAMENTO, RIPETENDO GLI ESERCIZI DELLE SETTIMANE PRECEDENTI PER LA MIGLIOR ESECUZIONE. 2 NOVITÀ: FINO AD ORA AVEVATE DATO IL COMANDO A VOCE E SUBITO DOPO IL FISCHIO, ADESSO POTETE INIZIARE AD INVERTIRE; IL COMANDO ERA COMUNQUE STATO SEMPRE IMPARTITO A BREVE DISTANZA, ANCHE X POTER MEGLIO INTERVENIRE PER COSTRINGERLO AD ASSUMERE LA CORRETTA POSTURA DI SEDUTO, ADESSO INIZIATE AD AUMENTARE GRADUALMENTE LA DISTANZA DALLA QUALE IMPARTITE L'ORDINE, STANDO PERÒ BEN PRONTI A DIRIGERVI IMMEDIATAMENTE VERSO DI LUI PER OPERARE UN’EVENTUALE CORREZIONE (POSTURA O RIPOSIZIONAMENTO NEL PUNTO IN CUI ERA STATO IMPARTITO IL COMANDO), E COMUNQUE PERCHÉ DOVETE SEMPRE TORNARE SUL CANE PRIMA DI ALLONTANARVI DI NUOVO. POTETE ANCHE SVOLGERE ALCUNE SEDUTE IN POSTI UN PO' MENO "TRANQUILLI" DEL SOLITO, O MAGARI ALLA PRESENZA DI TERZE PERSONE, MA SENZA COMUNQUE ECCEDERE.

 

 

Consigli 


Un buono Springer Spaniel dovrà avere tutte le caratteristiche descritte sopra e cioè: entusiasmo per la caccia, capacità naturali di riporto, passione per l’acqua, indifferenza alle difficoltà del terreno e, soprattutto, una buona predisposizione all’addestramento.
A causa di accoppiamenti poco accorti si trovano anche soggetti che purtroppo abbaiano durante la caccia, che non riportano correttamente la selvaggina nelle mani del padrone, che si rifiutano di entrare in acqua, che cacciano in modo svogliato, che si intimoriscono allo sparo. Non è sempre facile valutare le doti di un cucciolo, perciò è sempre consigliabile chiedere all’allevatore i certificati d’origine dei genitori (pedigree) e, se possibile, di poterli vedere in azione di caccia.
Un cane i cui genitori hanno doti naturali di buona attitudine alla caccia, darà sicuramente maggior garanzia di diventare il compagno che Voi cercate.
Naturalmente saranno poi fondamentali la Vostra passione e la Vostra capacità di addestrare il cane al suo compito specifico, ma tutto questo diventerà più facile e piacevole con un soggetto che è già naturalmente predisposto alla caccia.
Noi saremo lieti, dal nostro canto, di potervi mostrare i nostri cani e di darvi la possibilità di valutare personalmente le loro grandi doti.

  Testi copiati in rete

Alla consegna del cucciolo le diamo informazione più dettagliate in merito all'addestramento. 
                                                                  

 

   Invia un messaggio anche con foto verrà pubblicato in questa pagina

Non rispondiamo a messaggi senza l'indirizzo di provenienza numero di telefono

 

GuestBook ?

Leggi le richieste dei nostri visitatori

 

Hai delle domande ?  

Consulta le nostre risposte

 

Index

Addestramento per tartufi

Contatti

Cenno sull'addestramento

Dove siamo

Le origini

Nascite

Offerte

Storia

 

 

gestito  con  FrontPage